Les Basses Gorges du Verdon

Les lacs d’Esparron et de Montmeyan sont les portes nord de la Provence Verte. Il fait bon pique niquer, pratiquer le pédalo ou encore le canoë. Mais le clou du spectacle est de découvrir les paysages préservés et sauvages des basses gorges en bateau électrique. Sans bruit, les cliquetis de l’eau pour compagnon et des images qui nous laissent bouche bée pour décor, voici l’ambiance de votre prochaine découverte.

Lac de Montmeyan

Situé aux abords du village de Montmeyan, à deux pas de Quinson, “Montmeyan plage” est l’entrée des basses gorges, partie très sauvage du Verdon. Véritable pépite, elle est un lieu familial exceptionnel pour pique niquer, à découvrir en pédalos ou en bateaux électriques.

Musée de Quinson

Situé au coeur des gorges du Verdon, construit par l’architecte anglais, Norman Foster, le musée de la Préhistoire est l’un des plus grands d’Europe. Il est constitué de plusieurs lieux : d’une grotte (1er habitat), d’un village et d’un lieu de conférences et d’exposition permanente. Toutes les pièces et objets présentés sont issus de fouilles menées entre 1957 et 1971 dans le Verdon.

Location pédalo dans le Verdon

Un moment de détente en famille ou entre amis pour la découverte d’un site époustouflant, les basses gorges du Verdon. Au départ du lac de Montmeyan-Quinson, embarquez sur un pédalo avec ou sans toboggan, pour une durée au choix.

Avantanges ici: https://www.la-provence-verte.net/amusez-vous/amusezvous-location-pedalo-dans-le-verdon_6.html

Tarifs Pédalo 4-5 places : de 9 € la 1/2 heure à 59,40 € la journée (au lieu de 10 à 66 €)
Dates Tous les jours du 01/04/19 au 03/11/19
Horaire Sur rendez-vous
Durée De 30 mn à 1 journée
Distance Libre dans les basses gorges. Jusqu’à 9 km
Infos utiles Animaux admis. Activité tous âges. Pour la sécurité des clients, le prestataire se réserve le droit de diminuer le temps de location voire d’annuler la prestation en cas de mauvaises conditions météo.
A savoir Activité fortement soumise aux conditions météo. Réservation mini 3 jours à l’avance en été.

Vi aspettiamo sulle strade della lavanda

Provenza è sempre (o quasi) sinonimo di lavanda: l’immagine di filari color blu-viola è un “must” di tante cartoline e scatti fotografici. Il profumo inconfondibile  e  i paesaggi così suggestivi che crea questa pianta quando è in piena fioritura sono unici, singolari. La sua importanza si perde nella notte dei tempi.

In Provenza, la cultura e coltura della lavanda erano già diffuse prima del Medioevo. Ufficialmente, la sua raccolta e il suo impiego vennero catalogati nel XIV secolo in un testo erboristico Les Herboristes de Lure. Spesso ubicata a fianco di altre piante aromatiche, la si trovava nei giardini di monasteri e abbazie, luoghi dove erano applicati i saperi della farmacopea. Conoscenze che si sono ampliate, confermando le svariate qualità della lavanda. Prezioso è per esempio l’olio essenziale che ne viene estratto. Non a caso, in tutta la Provenza è diffusa l’aromaterapia, una disciplina – ormai nota in tutto il mondo – sviluppata proprio in Francia, grazie ai lavori compiuti dal chimico René-Maurice Gattefossé.

L’essenza di lavanda porta con sé il calore e l’energia del sole di Provenza. Il suo profumo è inconfondibile e ogni volta che si percepisce la sua anima olfattiva si rimane avvolti da un’aria di freschezza e di serenità.

Questo è il periodo migliore per scoprire i paesaggi color blu-viola tipici della Lavanda. Vi aspettiamo nella nostra Maison per andare sulle strade della lavanda!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Festa della Transumanza – Fête de la Transhumance 2018 à Riez

Anticamente era chiamata Julia Augusta Reiorum Apollinaris, oggi la conosciamo col nome di Riez. Distante dalla nostra Maison una cinquantina di km circa, Riez è uno dei villaggi più antichi del sud francese. Detta anche “la Romana”, questa piccola cittadina delle Alpi dell’Alta Provenza si trova nel cuore del Parco Naturale Regionale del Verdon, a pochi chilometri dal lago di Sainte-Croix e dalle Gole del Verdon.

Importanti vestigia sono le quattro colonne di granito che svettano nel verdeggiante parco all’esterno del villaggio. Non distante dal centro cittadino, si ammira poi il battistero, recentemente restaurato e uno dei pochissimi edifici paleocristiani custoditi in Provenza, caratterizzato da una fonte battesimale a forma di ottagono.

Riez è piacevole visitarla in occasione di varie feste locali, come la festa della transumanza, quelle del grano (ogni anno la prima domenica del mese di agosto) e del miele (organizzata nel mese di luglio).

Alla festa della transumanza 2018 noi c’eravamo… Ecco alcune foto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Picasso et les maîtres espagnols

La nuova esposizione multimediale organizzata all’interno della Cattedrale delle immagini (Carrières de Lumières) sarà inaugurata il prossimo 2 marzo 2018, ovvero Picasso et les maîtres espagnols. Un evento, che si concluderà il 6 gennaio 2019, che permette al visitatore di entrare nella magia del mondo immaginifico di colui che ha rivoluzionato non solo la pittura.

Pablo Ruiz y Picasso (25 ottobre 1881 – 8 aprile 1973) ha avuto un’immediata attrazione verso la Provenza e la Costa Azzurra, tanto che le spoglie riposano nel Var, presso quella che fu la sua ultima residenza, il castello di Vauvenargues (residenza privata non aperta al pubblico). Un luogo che scelse non solo per la suggestione dell’area, ma anche perché situato in prossimità della famosa montagna Sainte-Victoire, ovvero il soggetto preferito dal pittore che lo influenzò, Cezanne.

Picasso, quando scoppiò la Prima guerra mondiale, nel 1914, si recò nella città dei Papi, Avignone, per trascorrere un po’ di tempo con gli amici Braque e Derain e questo fu per lui un periodo decisivo per la sua creatività artistica.

Qualche anno dopo, Picasso scelse di vivere in un piccolo borgo del dipartimento del Vaucluse, Ménerbes, insieme alla sua amata compagna Dora Maar “la donna con la quale ho riso di più” confidò Picasso dopo la morte di questa incredibile donna fotografa e anche lei pittrice.

Altri luoghi provenzali cari a Picasso sono Saint-Tropez con il suo quartiere chiamato de la Ponche, da cui amava contemplare il golfo e il mar Mediterraneo; Vallauris, dove nasce la sua passione per la ceramica e dove possiamo ammirare la straordinaria opera di carattere politico “La guerra e la pace”; poi ancora Arles, Antibes (da vedere assolutamente il Museo Picasso presso il castello Grimaldi), Cannes (dove acquistò la nota villa chiamata California) e Mougins, dove l’artista spagnolo presso il mas de Notre-Dame-de-vie (detto l’antro del Minotauro) esalò il suo ultimo respiro nell’aprile del 1973.

L’esposizione multimediale a Carrières de Lumières presenta numerose sue opere, tra le quali : Les Demoiselles d’Avignon (1907), Deux femmes courant sur la plage (1922), Portrait de Dora Maar (1937), La Flûte de Pan (1923), Guernica (1937), La Joie de Vivre (1946).

Oltre a Picasso, i realizzatori – tutti italiani, ovvero Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi, Ginevra Napoleoni con la collaborazione musicale di Luca Longobardi – hanno dato spazio anche ad altri artisti spagnoli come Goya, Rusinol, Zuloaga e Sorolla.

Un viaggio nella pittura ispanica da non perdere…

e un plauso, ancora una volta, al team italiano che ha trasformato una vecchia cava di bauxite provenzale in un grande luogo dove protagonista è il linguaggio dell’arte.

Silvia C.


Se volete avere maggiori informazioni o consigli scriveteci lamaisondesartistesprovence@gmail.com

oppure compilate il form:

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Saint-Maximin la Sainte-Baume

Saint-Maximin est un grand bourg de la Provence Verte. Située à 45 Km de Marseille et 35 Km d’Aix en Provence, elle compte 14 734 habitants au recensement de 2012. Quand la petite histoire rejoint la grande Saint-Maximin doit son nom à l’apôtre Maximin, premier évêque d’Aix en Provence.

Petite bourgade nommée Villa-Latta à l’époque Gallo-Romaine, elle acquiert sa célébrité au XIIIè siècle à la découverte des tombeaux de Saint MAXIMIN ET Sainte Marie-Madeleine. Mais remontons un peu le temps et voyons comment SAINT Maximin est devenu Saint Maximin.

Le récit de la présence de Marie-Madeleine en Provence prend sa source au sud du bassin méditerranéen, en judée, au premier siècle de notre ère.

Des textes bibliques, la tradition fait émerger une Marie-Madeleine, pècheresse repentie, issue d’une famille riche, appartenant au cercle le plus proche de Jésus de Nazareth et participant pleinement à l’évangélisation du bassin méditerranéen. Ainsi, Marie-Madeleine ferait partie de ces fidèles ayant reçu lors de la Pentecôte, la mission d’évangélisation le monde, c’est à dire en ce temps-là l’empire romain.

Ce rôle de témoin fonde le récit de l’arrivée, sur notre rive de Mediterranee de Marie-Madeleine et d’un groupe de disciples, dont Maximin, ayant reçu en partage les Gaules comme terre de mission. C’est ainsi que naît la tradition des

saints de Provence, quelque part entre la fin de l’Antiquité et le début du Moyen-Age. Après avoir évangélisé la Provence, elle se serait retirée dans la grotte de la Sainte-Baume. A sa mort, Maximin l’aurait ensevelie dans le bourg

situé dans la plaine. S’appuyant sur cette tradition, Charles II d’Anjou, Comtes de Provence, ordonne des fouilles en 1279. Il trouve des ossements accompagnés de ce qui a été considéré comme un authentique relique racontant que la sépulture avait été cachée au VIIIè siècle par crainte des Sarrazins.

L’invention des reliques conforte la tradition en ce temps où le culte de Marie-Madeleine connaît un grand succès. Un pèlerinage s’organise vers ce lieu que Charles II d’Anjou et le Pape Boniface VIII confient aux soins des dominicains. La basilique érigée pour célébrer la sainte et accueillir les pèlerins sera considérée, selon l’expression consacrée par le père Lacordaire, comme le «Troisième tombeau de la Chrétienté» après Jérusalem et Rome. Ce patrimoine est, aujourd’hui encore, le témoin de cette rencontre entre tradition et Histoire qui a permis d’écrire, à Saint-Maximin-la-Sainte-Baume, une de plus belles pages de l’art gothique provençal.

Basilique de Saint-Maximin

La basilique abrite les reliques de Marie Madeleine, faisant d’elle le troisième tombeau de la chrétienté. Les travaux commencent en 1295 sur ordre du futur Roi de France Charles II et sur les plans de l’architecte Pierre le Français. En 1592, les travaux sont interrompus définitivement. Le portail et la grande porte d’entrée de la basilique ne seront jamais édifiés.

Avec ses 73 mètres de longueur, 43 mètres de largeur et 29 mètres de hauteur, la basilique est le plus vaste édifice gothique de Provence.

Incontournable

Ne manquez pas le reliquaire qui abrite le crâne de Marie-Madeleine, la crypte et ses 4 sarcophages, le choeur et ses 94 stalles, le retable d’Antoine Ronzen avec ses 16 panneaux de la Passion du Christ et les orgues de la basilique composés de 2692 tuyaux.

Le Cloître du Couvent Royal

Attenant à la basilique, il abrite depuis 2002 une hôtellerie de caractère. Ancien lieu de promenade quotidienne pour les moines, il abrite un secret bien gardé. Approchez-vous du puits et penchez-vous. Vous apercevrez la porte dérobée d’un passage secret qui permettait aux moines de s’enfuir.

La fête de Marie-Madeleine

Sainte Patronne de la ville de Saint Maximin, Marie Madeleine est honorée chaque année autour du 22 Juillet. Une grande fête s’étalant sur plusieurs jours lui est dédiée dans la cité. Au programme : procession des reliques dans la ville, retraite aux flambeaux, messe solennelle, bal populaire, feu d’artifice et banquet sur la place centrale.

Source: La Provence Verte Office de Tourisme

Amusez-Vous!

Le 3ème tombeau de la chrétienté sous la lune à Saint Maximin la Sainte Baume

Une visite au crépuscule pour sublimer la ville médiévale et la basilique gothique avec ses inestimables trésors : son mobilier, ses orgues mondialement connues, son chœur baroque, le retable de Ronzen… sans oublier la crypte qui abrite les reliques de Sainte Marie Madeleine. Une visite privée de la basilique, habituellement fermée le soir ! N’oubliez pas vos lampes de poche…

Avantage: EXCLU
Tarifs:
Normal : 5 €
5-12 ans : 2 €
0-4 ans : gratuit

Dates: tous les mercredis en juillet-août

Info: La Provence Verte

RESERVATION
Office de Tourisme
Carrefour de l’Europe
83170 Brignoles

04 94 72 04 21
Envoyer un email: contact@provenceverte.fr

 

 

Intervista a Bhavana OM

Chi ci segue sa che a La Maison des Artistes può trovare/ammirare anche le opere firmate dall’artista Bhavana OM. Qui di seguito condividiamo con piacere un’intervista a Bhavana OM, un modo per conoscerlo di più… e per conoscere la sua Arte, che si ispira anche alla Provenza!
Buona Lettura!


Dall’ecologia alle filosofie orientali.

Quando l’arte crea ponti, non muri

 

Intervista a Bhavana OM

di Cinzia Blanket

Bhavana OM è un artista dell’anima e che sa parlare all’anima. Creare è sinonimo di libertà per lui, ed è quindi difficile « catalogare » le sue opere sebbene si inquadrino nel territorio dell’astrattismo e della ricerca contemporanea. Rimane comunque limitante rinchiudere la sua arte in uno schema concettuale ben preciso, poiché Bhavana OM è sospeso tra occidente e oriente. Mescola astrattismo con riferimenti alla street art, usando i colori come fossero materia prima da plasmare. È un gioco di ombre e luce, caldo e freddo. In tutto questo rimane centrale la filosofia del reuse & recycle, poiché spesso le basi su cui costruisce le sue opere sono riciclate: una vecchia e logora sedia la trasforma in un omaggio a Van Gogh; un pezzo di legno abbandonato diventa l’oggetto per un’opera di Land Art… Nella sua arte il richiamo all’ecologia è forte. Così come è forte l’influsso della musica, della danza e della poesia nella sua arte multidimensionale. Un’arte non solo materica, ma anche energetica.

Per saperne di più e per intervistarlo lo abbiamo incontrato in Provenza, terra dove spesso vive e da cui trae molte ispirazioni.

 

Cosa ricerchi attraverso l’arte?

In tutta la mia vita/esperienza artistica ho cercato di trovare la sorgente dell’energia esistenziale per trasmetterla agli altri. Produzione e diffusione dell’energia olistica nell’azione creativa artistica: è questa in sintesi la mia ricerca. La mia indagine poetico-pittorica è alimentata dall’amore che provo per la musica, che definisco, vibrazionale. Ogni qual volta mi preparo per dipingere, la musica si diffonde nello spazio dove mi trovo. E la magia musicale accende la mia essenza, come le stelle illuminano il cielo in quelle sere di mezza estate ed entro in una dimensione che oso definire pseudo-trance.

Le mie mani afferrano colori, pennelli, spazzole, spatole, ecc. e iniziano questa danza che porta allo stato, puro e profondo, di creatività catartica. Tutto si trasforma in gesti plastici, a volte lenti e altre volte frenetici e sincopati, creando un flusso e riflusso energetico tra me e l’oggetto pittorico.

Si può parlare di uno scambio di energia?

Sì, è un vero scambio d’energia, che mi permette di sentirmi parte integrante del dipinto. E tutto questo è avvolto da un sottile ma intenso senso d’ironia che si palesa sul mio viso con un sorriso grande e buffonesco.

La tua creatività deriva anche dal piacere e dalla gioia di dipingere?

La gioia che provo quando dipingo è la stessa che provavo da bimbo quando a scuola la maestra mi lasciava dipingere con le mani sul foglio da disegno. Quando la musica finisce, io mi ritrovo con stupore davanti a una moltitudine di colori che rivelano quello che sono io oggi, in questo determinato momento. Sono mosso solo dal desiderio di danzare la vita attraverso i colori.

Bhavana OM, già dal nome troviamo tanti riferimenti alle filosofie orientali…

Non sento separazione tra occidente e oriente, perché ho trovato un punto di contatto tra queste dimensioni spaziali-concettuali. Quello che cerco con la pittura è la più pura energia. È quell’energia che sento praticando yoga, meditazione, ed è l’energia che ritrovo nella danza, nella poesia, nella musica. È un’energia che esprime molteplici manifestazioni.

È l’energia pranica che mi spinge a vivere con profonda consapevolezza ogni momento della mia giornata, a partire dal risveglio, dove il mio respiro è il soffio vitale. Attraverso la meditazione – pratica di consapevolezza dell’amore e dell’armonia – mi interconnetto con il resto del mondo. Le vibrazioni che la meditazione genera mi sostengono e mi collegano al flusso vitale, lo stesso flusso energetico che diventa l’espressione di poesia pittorica.

Imprescindibile comunque il rapporto con la musica…

La mia pittura nasce e si sviluppa come musica dei colori. La mia tavolozza è lo stereo che diffonde l’energia che pervade tutto il mio essere artista. L’equazione perfetta è quella tra musica e pittura, un’equazione che mi sostiene alimentando la mia voglia di conoscenza e di sperimentazione in ogni esperienza esistenziale. Ogni qual volta utilizzo il pennello, il rullo o la spatola e altri diversi oggetti, questi si trasformano in propaggine delle mie mani, mentre il mio corpo danza all’interno del dipinto senza limiti e confini. Io posso far parte del dipinto come parte del tutto, osservandolo a 360° così da poter immaginare lo sguardo del visitatore esterno che un giorno vorrà osservare, capire, vivere questa esperienza visiva con grande e completa libertà.

Cosa vuoi trasmettere a chi osserva le tue opere?

Non anelo alla complessità concettuale, né voglio condurre le persone verso un ipotetico enigma astratto e mentale. Cerco piuttosto con profonda umiltà e altruismo di coinvolgere le persone attraverso la dimensione immaginale-emozionale. In altri termini, accompagno il visitatore dei miei dipinti nel mondo di Bhavana OM. Quindi a chi capita di soffermarsi davanti a questa poesia di colori consiglio di non preoccuparsi del significato, ma di danzare con me.

Sito Ufficiale di Bhavana OM: https://bhavanaomart.wordpress.com/

MEDITARE IN PROVENZA

Rimanere immersi nella natura provenzale, sentendo il profumo di lavanda e di timo, mentre si è assorti in meditazione ai piedi di un ulivo. Una sensazione unica, anzi, una moltitudine di sensazioni…che conducono a una profonda pace interiore.

La meditazione porta a questo… stare a contatto con la natura, di cui noi facciamo parte, porta a questo: a una calma che si riverbera dal nostro sé verso gli altri, verso il mondo esterno (anche se non esiste una vera separazione tra interno ed esterno, poiché siamo uniti al Tutto).

Nel corso del 2016 e negli anni precedenti abbiamo vissuto diversi momenti meditativi in Provenza, grazie ai quali abbiamo trovato la giusta calma e la profonda consapevolezza per scrivere un nuovo libro dedicato alla Mindfulness.

La Provenza rimane sempre nel cuore, malgrado la Francia abbia subìto parecchi scossoni a livello sociale e politico a causa di attentati che hanno ucciso civili inermi, indifesi… Capita sempre così, ovunque nel mondo: sono i civili, le persone “comuni”, a subire le follie di uomini che vogliono creare un mondo fondato sulla paura.

Ma tutto questo possiamo cambiarlo. La meditazione aiuta certamente a comprendere che si può uscire dalla sofferenza e che si può allontanare qualsiasi paura.

La Provenza, almeno quella che noi conosciamo, in particolare l’entroterra, tra la Provenza Verde, il Vaucluse e la Camargue, è rimasta un po’ immune dalla burrasca politico-sociale avvenuta dopo il dramma di Nizza. I turisti, soprattutto dal Belgio, dall’Olanda, dalla Germania e dalla Gran Bretagna, non sono mancati nel 2016. Anzi, in alcuni villaggi – anche lontani dal jet set, dalle mode e dal mare come Aups e Tavernes – hanno accolto tanti di viaggiatori desiderosi di un po’ di pace e di un po’ di semplicità.

Parlando con alcuni di loro abbiamo percepito nelle loro parole la profonda necessità di ri-trovare un luogo dove poter sentire serenità, calma, tranquillità, rimanendo “lontani dal mondo ma nel mondo”.

Possiamo dire per esperienza che ci sono luoghi in Provenza dove questo è possibile: è possibile – come dicevamo nel nostro incipit – rimanere a contatto con una natura ancora in parte selvaggia e avvertire un’intensa connessione coi quattro elementi, terra, aria, acqua e fuoco.

Praticare la meditazione o semplicemente rilassarsi compiendo determinate visualizzazioni – anche guidate da un’altra persona – sono momenti altamente benefici non solo per la psiche, ma anche per il corpo e per l’anima.

Siamo convinti che se tutti praticassero una qualche forma di meditazione – ce ne sono diverse, anche se le ricerche scientifiche hanno dimostrato come quella davvero più efficace sia la meditazione buddhista – sentimenti nocivi come la rabbia, l’invidia, l’attaccamento, l’odio lentamente e progressivamente scomparirebbero.

Ritornando all’incipit di questo post… possiamo ribadire che meditare a contatto con la natura di Provenza è rigenerante, ti permette di nutrire maggiore consapevolezza dei tuoi pensieri, del tuo corpo e delle tue emozioni. Sono sensazioni uniche, soggettive, che non si possono – e forse non si devono – esternare troppo…

Concludiamo dicendo solo che se volete meditare in Provenza ai piedi di un ulivo o accanto a filari di lavanda scriveteci… saremo felici di accogliervi chez nous, à la Maison des Artistes, dove poter praticare la meditazione immersi in una natura meravigliosa!

 

Vignobles et Découvertes en Provence

Obtenu en mai 2014, le label Vignobles & Découvertes marque l’engagement d’un réseau de prestataires à offrir un service de qualité à leurs clients : domaines viticoles, hébergements sensible à cet univers, restaurants qui proposent des vins et produits locaux, activités de découverte.

Les cépages

Les principaux cépages pour les rouges et les rosés : grenache, syrah, cinsault, cabernet, carignan, mourvedre, tibouren. Pour les blancs : rolle, sémillon, ugni-blanc, clairette.

La Provence Verte : destination oenotourisme

Tavernes borgo tra ulivi e vitigni

Tavernes – Pays d’Art et d’Histoire è un paesino della comunità della Provence d’Argens en Verdon, circondato da vitigni e oliveti che testimoniamo la vocazione agricola dei suoi abitanti. In particolare, è per la produzione di un ottimo olio d’oliva che il borgo è famoso non solo nel Var. Grazie infatti al lavoro accurato della cooperativa olivicola locale, l’olio qui prodotto ha ottenuto numerosi riconoscimenti sin dal 1976, giungendo alle tante Medaglie conquistate ai vari Concorsi agricoli di Parigi. Premi fondati sia sulla qualità delle olive, sia sul sistema produttivo della Cooperativa, dal 2009 certificata Bio. Il mulino a olio di Tavernes si può visitare tutto l’anno, facendo richiesta all’ufficio del turismo di Brignoles; oppure si può partecipare, la prima domenica di settembre, alla “giornata dell’olio” (in provenzale journado de l’oli) scoprendo i segreti di questo prodotto tanto popolare in tutta la Provenza, così come in tutto il bacino del Mediterraneo. Tavernes merita una visita per immergersi nella tranquillità di un borgo sospeso nel tempo, dove tutto è calmo, in simbiosi col paesaggio circostante.

In particolare, segnaliamo la bella passeggiata che conduce alla piccola Cappella di Notre Dame de Bellevue. Il percorso, di circa 7 km, può partire sia dal mulino a olio, oppure dal parcheggio in prossimità del quartiere les Ferrages, vicino al Centro Polivalente. Il viandante entre in una natura tipicamente provenzale: cipressi, pini d’Aleppo, timo. Man mano che si sale s’incrociano querce, tigli, castagni, rosmarino selvatico e santoreggia.
Si scorgono lungo il cammino anche alcune croci di ferro, testimonianze delle stazioni che ripercorrono il tragitto doloroso di Cristo verso la crocifissione sul Golgota. In passato ve ne erano 14, ma la maggior parte sono state danneggiate per effetto dello scorrere del tempo e delle intemperie.

Circondata da ulivi e arroccata su un promontorio roccioso, a circa 605 metri d’altezza, Notre-Dame de Bellevue et de Consolation (questo il nome completo) risale alla metà del XVII secolo: fu antico eremo e poi cappella legata all’ordine religioso dei Domenicani. Il suo nome “Bellevue” può avere un duplice significato: potrebbe indicare, da un lato, lo splendido panorama che si ammira dal promontorio su cui sorge; dall’altro, potrebbe rivelare le guarigioni, avvenute dopo preghiere e invocazioni, di numerose persone affette da problemi di vista. Questi “casi miracolosi” sono ricordati in un documento dell’800 proveniente dagli archivi dei Padri Domenicani di Saint-Maximin, in cui sono menzionati nel dettaglio le persone che hanno riacquistato la salute dopo aver compiuto il Pellegrinaggio a Notre Dame de Bellevue. Tra questi casi troviamo quelli di Jeanne Isnard ed di Jeanne Ailhaud: entrambe hanno recuperato la vista. Troviamo anche altri casi di guarigioni, come quello di Anne Guérine di Varages, i cui forti dolori alle gambe scomparvero dopo la visita a questa santa cappella. Le varie testimonianze rivelano i sentimenti di profonda devozione verso Notre Dame de Bellevue, la cui ubicazione era conosciuta sin da tempi remoti come zona di eremitaggio, grazie all’isolamento e alla quiete che regala ancora oggi l’ambiente circostante.
All’interno della Cappella si erge un altare molto suggestive nella sua semplicità, costruito nella roccia. AI piedi di questo grande masso si scorgono ex-voto, la maggior parte vecchi, risalenti ai primi decenni del XX secolo. Ai lati dell’altare vi sono due piccole nicchie: in quella posta a destra è custodita la statua della Madonna che vince il male simbolizzato da un serpente; nella nicchia di sinistra si trova un’effige incorniciata raffigurante la Santa Vergine Maria. La santità di questo sito si riverbera anche in una leggenda locale, secondo cui Gesù e Maria (presumibilmente la Maddalena) sarebbero passati proprio in questo luogo: la coppia avrebbe lasciato le proprie impronte su un masso situato ai piedi della cappella, nei pressi dello sperone roccioso da cui si ammira dall’alto Tavernes, la vallata e il massiccio dei Bessillon.

Testo ©S.C.T.